ANALISI E PROVE MERCEOLOGICHE TESSILI

ANALISI E PROVE MERCEOLOGICHE TESSILI

Il nostro listino prove merceologiche tessili comprende:

  • Prove su fibre.
  • Prove su fili e filati.
  • Prove su tessuti, semilavorati e capi finiti.
  • Prove di composizione.
  • Prove di stabilità dimensionale.
  • Prove di solidità del colore.
  • Prove tintoriali.
  • Prove chimiche / ecologiche.
  • Prove su piume e piumini.
  • Prove per determinare l’origine delle difettosità.
  • Prove su cerniere.
  • Prove al fuoco.

 

Perché scegliere Centro Qualità Tessile per le tue prove?

Siamo un Laboratorio di Prova accreditato da Accredia (LAB n. 0263L). In base agli Accordi Internazionali di Mutuo Riconoscimento (MLA/MRA) con EA, IAF e ILAC le nostre prove sono accreditate a livello internazionale.

Inoltre siamo accreditati negli Stati Uniti dalla Consumer Safety Product Commission (N. Ident. 1758) per quanto riguarda le prove di infiammabilità dei tessuti (norma: Code of Federal Regulation – 16 CFR Part 1610).

LISTINO PROVE MERCEOLOGICHE TESSILI

Come consegnare i campioni e ricevere i risultati

• Il materiale per le analisi può essere consegnato con relativo documento di trasporto (DDT).

• Le analisi che eseguiamo sono di tipo distruttivo, pertanto riteniamo sempre autorizzati il taglio e altri procedimenti che causano il deterioramento dei campioni. Nel DDT relativo al materiale per le prove va specificato quanto segue:

– Se non è prevista o richiesta la restituzione del campione, apporre la dicitura “Materiale destinato a prove distruttive”.
– Se è prevista o richiesta la restituzione del campione, apporre la dicitura “Trasporto in conto prova per analisi di laboratorio”.
– Se il campione è un capo confezionato, o comunque un prodotto tessile finito, apporre la dicitura “Si autorizza il taglio del capo / prodotto”.

• Ai campioni consegnati al nostro laboratorio vanno allegate le seguenti informazioni:

– Composizione.
– Caratteristiche e/o specifiche tecniche (in special modo nel caso in cui vengano richieste dichiarazioni di conformità).
– Tutte le informazioni supplementari utili ai fini dell’analisi in oggetto (ad esempio: richiesta di traduzione del rapporto di prova in inglese, modalità di consegna del rapporto, richiesta di conservazione dei campioni, eccetera).
Attenzione: tutte le richieste successive all’emissione dei rapporti di prova comporteranno l’addebito di costi aggiuntivi.

• A richiesta siamo disponibili ad effettuare prove urgenti, previa la fattibilità tecnica nei tempi richiesti e la consegna dei campioni da parte del Cliente entro le ore 12:00.
Attenzione: l’esecuzione di prove urgenti comporterà un aumento del 30% sui costi ordinari.

• I residui dei campioni saranno conservati dal nostro laboratorio a disposizione del Cliente per un periodo non superiore ai 30 giorni dalla data di emissione dei relativi certificati di analisi.
Attenzione: al termine di questo periodo ci riteniamo autorizzati alla distruzione dei campioni analizzati, salvo espressa richiesta scritta di conservazione inviata dal Cliente entro i 30 giorni previsti o altra esplicita disposizione contrattuale.

• I risultati e i rapporti delle prove si riferiscono unicamente ai campioni analizzati e a quanto specificatamente richiesto dal Cliente (ad esempio: richiesta di traduzione del rapporto in inglese, modalità di consegna del rapporto, richiesta di conservazione dei campioni, eccetera).
Attenzione: tutte le richieste successive all’emissione dei rapporti di prova comporteranno l’addebito di costi aggiuntivi.

• Se non concordato altrimenti ci riteniamo autorizzati ad inviare al Cliente, in via preliminare, copia del rapporto di prova per fax o email. Gli originali dei rapporti saranno poi consegnati personalmente o spediti per posta ordinaria. Nel caso in cui il Cliente non desideri l’invio dei rapporti attraverso tali mezzi deve comunicarlo prima dell’esecuzione delle prove, al momento della nostra accettazione della commessa di lavoro.

• I rapporti di prova e le relative registrazioni tecniche saranno conservati dal nostro laboratorio per un periodo di 48 mesi dalla data della loro emissione.

Prove su fibre

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
1101* Determinazione della lunghezza delle fibre – Metodo della misura della singola fibra UNI 5751 Provetta di almeno 2 g di peso
1102* Determinazione del diametro delle fibre di lana (software CV 9000) Procedura interna Provetta di almeno 2 g di peso
1103* Determinazione del diametro delle fibre artificiali e sintetiche (software CV 9000) Procedura interna Provetta di almeno 2 g di peso

Prove su fili e filati

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
1201* Determinazione della massa lineare con il metodo della matassina UNI EN ISO 2060  Almeno 500 m di filato
1205* Determinazione della torsione dei fili continui e filati ritorti – Metodo diretto UNI EN ISO 2061  Almeno 15 / 20 m di filo
1206* Metodo indiretto per la determinazione della torsione nei filati singoli da fibre discontinue UNI 9069 Almeno 15 / 20 m di filo
1210* Determinazione della forza di rottura e allungamento di fili singoli UNI EN ISO 2062  Almeno 15 / 20 m di filo
1215* Determinazione della massa commerciale UNI 9213-1-2-3-4-5-6 Una rocca di filo di composizione nota sigillata
1220* Determinazione del coefficiente di attrito (Schlafhorst) Procedura interna Una rocca di filo
1225* Determinazione del numero dei filamenti nei fili continui Procedura interna Fondo rocca o ritaglio di tessuto
1235* Valutazione della tipologia di filatura (Open End – Ring) Procedura interna Fondo rocca o ritaglio di tessuto
1245 Rappresentazione e identificazione convenzionale di fili, filati, binati e ritorti UNI 6699 Fondo rocca o ritaglio di tessuto

Prove su tessuti, semilavorati e capi finiti

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
1301 Determinazione della massa areica e della massa per unità di lunghezza UNI 5114

Per la massa areica: ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm

Per la massa per unità di lunghezza: occorre anche la larghezza o altezza (in metri) del tessuto

1301a Determinazione della massa areica e della massa per unità di lunghezza UNI EN 12127

Per la massa areica: ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm

Per la massa per unità di lunghezza: occorre anche la larghezza o altezza (in metri) del tessuto

1302* Determinazione della lunghezza e della larghezza delle pezze UNI EN 1773  Pezza di tessuto
1303 Tessuti ortogonali – Costruzione – Metodi di analisi – Determinazione del numero dei fili per unità di lunghezza UNI EN 1049-2  Ritaglio di tessuto di almeno 10×10 cm
1305 Armature – Termini e definizioni UNI 8099 Ritaglio di tessuto di almeno 10×10 cm
1305a Maglieria – Concetti di base – Vocabolario UNI EN ISO 4921 Ritaglio di tessuto di almeno 10×10 cm
1306 Metodi di prova per non tessuti – Determinazione della massa areica UNI EN 29073-1 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1307a Metodi di prova per non tessuti – Determinazione della resistenza a trazione e dell’allungamento UNI EN 29073-3  Ritaglio di tessuto di almeno 60×60 cm
1308* Metodi di prova per non tessuti – Determinazione della resistenza alla lacerazione UNI EN ISO 9073-4  Ritaglio di tessuto di almeno 60×60 cm
1309* Finezza macchina Procedura interna Ritaglio di tessuto di almeno 10 cm in tutta altezza
1310 Determinazione della massa per unità di lunghezza (titolo) di un filo estratto da un tessuto UNI 9275 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1311* Spessore Procedura interna Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1315* Determinazione della torsione di fili estratti da un tessuto – Metodo diretto UNI EN ISO 2061  Almeno 15 / 20 m di filo
1316* Determinazione della torsione di fili estratti da un tessuto – Metodo indiretto UNI 9069 Almeno 15 / 20 m di filo
1320 Determinazione della tendenza dei tessuti alla formazione di pelosità superficiale e palline di fibre (pilling) – Metodo con apparecchio Martindale modificato

UNI EN ISO 12945-2

UNI EN ISO 12945-4

Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1322* Pilling – Determinazione della resistenza alla formazione di palline – Random Pilling Tester

UNI EN ISO 12945-3

UNI EN ISO 12945-4

Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1325 Determinazione della tendenza dei tessuti alla formazione di pelosità superficiale e palline di fibre (pilling) – Metodo Pilling Box

UNI EN ISO 12945-1

UNI EN ISO 12945-4

Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1330 Determinazione della resistenza all’abrasione dei tessuti con il metodo Martindale – Deterioramento provetta

UNI EN ISO 12947-1

UNI EN ISO 12947-2

Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1330d Determinazione della resistenza all’abrasione dei tessuti con il metodo Martindale – Perdita di massa

UNI EN ISO 12947-1

UNI EN ISO 12947-3 

Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1130a Determinazione della resistenza all’abrasione dei tessuti con il metodo Martindale – Cambio di aspetto

UNI EN ISO 12947-1

UNI EN ISO 12947-4 

Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1331 Proprietà dei tessuti a trazione – Determinazione della forza massima con il metodo Grab UNI EN ISO 13934-2  Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm con indicazione della cimosa
1332* Proprietà dei non tessuti a trazione – Determinazione della forza massima con il metodo Grab UNI 8279-4 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1333 Determinazione della forza massima di rottura delle cuciture con il metodo della striscia UNI EN ISO 13935-1 

Ritaglio di tessuto di almeno 35×70 cm

Le cuciture possono essere eseguite in laboratorio per sottoporre a prova la direzione di ordito, di trama o di entrambe, altrimenti la prova viene eseguita sulle cuciture in essere

1334 Determinazione della forza massima di rottura delle cuciture con il metodo Grab UNI EN ISO 13935-2 

Ritaglio di tessuto di almeno 35×70 cm

Le cuciture possono essere eseguite in laboratorio per sottoporre a prova la direzione di ordito, di trama o di entrambe, altrimenti la prova viene eseguita sulle cuciture in essere

1340 Proprietà dei tessuti a trazione – Determinazione della forza massima e dell’allungamento alla forza massima con il metodo della striscia UNI EN ISO 13934-1  Ritaglio di tessuto di almeno 60×60 cm
1341 Proprietà della lacerazione dei tessuti – Determinazione della forza di lacerazione di provette a pantalone UNI EN ISO 13937-2  Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1341a Proprietà della lacerazione dei tessuti – Determinazione della forza di lacerazione di provette ad ala UNI EN ISO 13937-3 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1341b Proprietà della lacerazione dei tessuti – Determinazione della forza di lacerazione mediante il metodo del pendolo balistico (Elmendorf) UNI EN ISO 13937-1 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1342* Determinazione della resistenza alle flessioni ripetute – Metodo Bally UNI 4818-13 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1344* Determinazione della resistenza alla perforazione con il metodo della sfera UNI 5421 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1345* Non tessuti – Determinazione della resistenza alla perforazione con il metodo della sfera UNI 8279-11 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1346 Proprietà di resistenza dei tessuti allo scoppio – Metodo idraulico per la determinazione della resistenza e della deformazione allo scoppio UNI EN ISO 13938-1 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1347* Proprietà di resistenza dei tessuti allo scoppio – Metodo pneumatico per la determinazione della resistenza e della deformazione allo scoppio UNI EN ISO 13938-2 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1350 Determinazione della resistenza allo scorrimento dei fili di tessuto in corrispondenza delle cuciture – Parte 1: metodo dell’apertura determinata della cucitura UNI EN ISO 13936-1 Ritaglio di tessuto di almeno 100×100 cm
1350a Determinazione della resistenza allo scorrimento dei fili di tessuto in corrispondenza delle cuciture – Parte 2: metodo del carico fisso UNI EN ISO 13936-2  Ritaglio di tessuto di almeno 100×100 cm
1360* Determinazione della resistenza alla penetrazione d’acqua – Prova sotto pressione idrostatica UNI EN ISO 811  Ritaglio di tessuto di almeno 100×100 cm
1365 Determinazione della resistenza alla bagnatura superficiale – Metodo dello spruzzo UNI EN ISO 4920 Ritaglio di tessuto di almeno 100×100 cm
1370* Non tessuti – Determinazione dell’assorbimento di liquidi – Metodo della rete Procedura interna Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1379 Determinazione del titolo del filato su campioni di breve lunghezza – Tessuti a maglia ASTM D1059 Ritaglio di tessuto di almeno 30×100 cm in lunghezza
1379a Determinazione del titolo del filato su campioni di breve lunghezza – Tessuti ortogonali ASTM D1059 Ritaglio di tessuto di almeno 30×100 cm in lunghezza
1380* Riduzioni nei tessuti a maglia – Determinazione del numero delle file e dei ranghi per unità di lunghezza UNI EN 14971 Ritaglio di tessuto di almeno 20×20 cm
1382* Determinazione della lunghezza di filo assorbito nei tessuti a maglia in trama UNI EN 14970 Ritaglio di tessuto di almeno 30×100 cm in lunghezza
1387* Prova di cucibilità Procedura interna Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1390* Determinazione dell’avvitamento della maglia (scarto angolare) Procedura interna Ritaglio di tessuto di almeno 30 cm in tutta altezza
1392* Supporti tessili rivestiti di gomma o materie plastiche – Determinazione della resistenza all aderenza UNI EN 25978 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1393* Retrazioni in acqua bollente Procedura interna 1 rocca di filato
1394* Supporti rivestiti con materiali polimerici – Determinazione della migrabilità delle sostanze colorate UNI 4818-21 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1395* Resistenza allo snagging (fili tirati) Procedura interna – Metodo Box Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1395* Resistenza allo snagging (fili tirati) – Rotating Chamber BS 8479 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
1398 Determinazione dell’elasticità dei tessuti – Metodo della striscia – Tessuti a maglia UNI EN ISO 20932-1 Ritaglio di tessuto di almeno 80×80 cm
1398a Determinazione dell’elasticità dei tessuti – Metodo della striscia – Tessuti a navetta e non tessuti UNI EN ISO 20932-1 Ritaglio di tessuto di almeno 80×80 cm
4401* Jungle test Procedura interna Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
4403* Determinazione della velocità di trasmissione del vapor d’acqua UNI 4818
(Parte 26)
Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
4404* Determinazione della permeabilità all’aria UNI EN ISO 9237 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
4500* Metodo di prova per non tessuti – Parte 10: formazione di lint (lanugine) ed altre particelle allo stato secco UNI EN ISO 9073-10 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
4600* Supporti tessili rivestiti di gomma o materie plastiche – Determinazione dell’adesione del rivestimento UNI EN ISO 2411 Ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm

Prove di composizione

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
1401 Analisi qualitativa – Metodo microscopico AATCC TM20 Provetta di almeno 2 g di peso
1403 Analisi quantitativa di mischie binarie di fibre tessili

Regolamento UE n. 1007/2011 del 27/09/2011

Metodi accreditati da 1 a 16 (esclusi 5-9-12-13-14-15-16)

Provetta di almeno 4 g di peso
1404 Analisi quantitativa di mischie ternarie di fibre tessili

Regolamento UE n. 1007/2011 del 27/09/2011

Metodi accreditati mischie ternarie da 1 a 37 (esclusi 3-5-8-11-12-24-35-36-37)

Provetta di almeno 4 g di peso
1405* Analisi quantitativa di mischie quaternarie fibre tessili Regolamento UE n. 1007/2011 del 27/09/2011 Provetta di almeno 4 g di peso
1406* Analisi quantitativa di mischie di fibre tessili (oltre le quattro fibre) per ogni fibra in più Regolamento UE n. 1007/2011 del 27/09/2011 Provetta di almeno 4 g di peso
1412* Determinazione quantitativa mischie lana-cashmere (due fibre) e altre fibre di origine animale UNI EN ISO 17751-1 Provetta di almeno 4 g di peso

Prove di stabilità dimensionale

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
1501 Determinazione delle variazioni dimensionali nel lavaggio e asciugamento

UNI EN ISO 6330

UNI EN ISO 3759

UNI EN ISO 5077

Ritaglio di tessuto di almeno 50 cm in tutta altezza, oppure 1 capo
1503* Determinazione delle variazioni dimensionali – Metodo della bagnatura a freddo dei tessuti UNI 9294-5 Ritaglio di tessuto di almeno 50 cm in tutta altezza, oppure 1 capo
1504* Determinazione delle variazioni dimensionali – Metodo della stiratura a vapore Procedura interna Ritaglio di tessuto di almeno 50 cm in tutta altezza, oppure 1 capo
1505* Valutazione della stabilità al lavaggio a secco con la macchina UNI EN ISO 3175-2 Ritaglio di tessuto di almeno 50 cm in tutta altezza, oppure 1 capo
1506 Procedimenti di lavaggio e asciugamento ripetuti A preventivo Ritaglio di tessuto di almeno 50 cm in tutta altezza, oppure 1 capo
1506d* Procedimenti di lavaggio e finitura industriale per la valutazione degli abiti da lavoro UNI EN ISO 15797 Ritaglio di tessuto di almeno 50 cm in tutta altezza, oppure 1 capo
1507* Aspetto dopo lavaggio in acqua UNI EN ISO 15487 Ritaglio di tessuto di almeno 50 cm in tutta altezza, oppure 1 capo
1507a* Aspetto dopo lavaggio a secco UNI EN ISO 3175 1-4 Ritaglio di tessuto di almeno 50 cm in tutta altezza, oppure 1 capo
1508 Determinazione dell’avvitamento dopo il lavaggio – Parte 2: tessuti ortogonali e a maglia ISO 16322-2 Ritaglio di tessuto di almeno 50 cm in tutta altezza, oppure 1 capo
1509 Determinazione dell’avvitamento dopo il lavaggio – Parte 3: capi in tessuto e a maglia ISO 16322-3 Almeno 2 capi

Prove di solidità del colore

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
2101 Solidità del colore al lavaggio con sapone UNI EN ISO 105 C10 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2102 Solidità del colore al lavaggio domestico e commerciale UNI EN ISO 105-C06 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2103a Solidità del colore al lavaggio domestico e commerciale – Parte C09: candeggio per ossidazione utilizzando un detergente di riferimento senza fosfato comprendente un attivatore di candeggio a bassa temperatura UNI EN ISO 105-C09 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2104 Solidità del colore al lavaggio a secco UNI EN ISO 105-D01  Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2105 Solidità del colore alla luce artificiale UNI EN ISO 105-B02
(Metodi 1, 2, 3, 4)
Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2106 Solidità del colore al sudore acido e alcalino UNI EN ISO 105-E04  Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2406 Solidità del colore al sudore acido e alcalino GB/T 3922 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2107 Solidità del colore allo sfregamento a secco e ad umido UNI EN ISO 105-X12  Ritaglio di tessuto di almeno 30×30 cm
2407 Solidità del colore allo sfregamento a secco e ad umido GB/T 3920 Ritaglio di tessuto di almeno 30×30 cm
2108* Solidità del colore alla goccia d’acqua UNI EN ISO 105-E07  Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2109 Solidità del colore all’acqua UNI EN ISO 105-E01 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2409 Solidità del colore all’acqua GB/T 5713 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2110 Solidità del colore all’acqua di mare UNI EN ISO 105-E02  Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2111 Solidità del colore all’acqua clorata (acqua di piscina) UNI EN ISO 105-E03  Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2112* Solidità del colore alla stiratura a caldo UNI EN ISO 105-X11  Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2113 Solidità del colore ai solventi organici UNI EN ISO 105-X05  Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2114* Solidità del colore allo sfregamento – Solventi organici UNI EN ISO 105-D02 Ritaglio di tessuto di almeno 30×30 cm
2115* Solidità del colore agli acidi UNI EN ISO 105-E05  Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2116* Solidità del colore agli alcali UNI EN ISO 105-E06  Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2117 Solidità del colore alla sbianca con ipoclorito UNI EN 20105-N01 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2118* Solidità del colore al lavaggio a mano (ECE / sapone) UNI 10994 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2119 Solidità del colore alla saliva GB/T 18886 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2120* Solidità del colore al mercerizzo UNI EN ISO 105-X04 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2122* Solidità del colore al calore secco (esclusa stiratura) UNI EN ISO 105-P01 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2123* Determinazione del contenuto di appretto nei tessuti in cotone, lino e canapa UNI 5119 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2124* Solidità del colore alla follatura acida leggera UNI EN ISO 105 E14 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
2125* Solidità del colore alla follatura alcalina UNI EN ISO 105 E12 Ritaglio di tessuto di almeno 20×10 cm (#)
4208* Trasferimento di colore durante lo stoccaggio AATCC 163 Ritaglio di tessuto di almeno 30×30 cm
 
 
(#) Con opportuni accorgimenti la prova può essere estesa a bottoni, cerniere, etichette, inserti in pelle o scamosciati
Altri tipi di solidità

Prove tintoriali

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
2201* Ricerca del carattere tintorio Procedura interna Ritaglio di tessuto di almeno 30×30 cm
2202* Prove di tintura Procedura interna Ritaglio di tessuto di almeno 30×30 cm
2203* Prova di scarica e ritintura Procedura interna Ritaglio di tessuto di almeno 30×30 cm
2204* Lettura spettrofotometrica del colore UV-visibile – Lettura tra 2 campioni D65 CMC (2:1) Procedura interna Ritagli di tessuto di almeno 10×10 cm
2205* Lettura spettrofotometrica del colore UV-visibile – Lettura manichetta D65 CMC (2:1) Procedura interna Manichetta
2207 Lettura colorimetrica UNI EN ISO 20471 Preferibilmente 1 capo, oppure uno stacco di tessuto di 90×75 cm
2207a Lettura colorimetrica dopo 5 lavaggi UNI EN ISO 20471 Preferibilmente 1 capo, oppure uno stacco di tessuto di 90×75 cm
2207b Lettura colorimetrica dopo invecchiamento alla luce UNI EN ISO 20471 Preferibilmente 1 capo, oppure uno stacco di tessuto di 90×75 cm

Prove chimiche / ecologiche

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
2301 Determinazione del pH dell’estratto acquoso UNI EN ISO 3071  Ritaglio di tessuto di almeno 6 g di peso
2401 Determinazione del pH dell’estratto acquoso GB/T 7573 Ritaglio di tessuto di almeno 6 g di peso
2302* Determinazione del pH dell’estratto acquoso – Metodo per pelle UNI EN ISO 4045 Ritaglio di tessuto di almeno 6 g di peso
2303* Determinazione pentaclorofenolo (PCP) e tetraclorofenolo (TeCP), e relativi sali ed esteri nei tessili UNI 11057 Ritaglio di tessuto di almeno 6 g di peso
2305* Determinazione degli alchilfenoli e alchilfenolietossilati (AP/APEO)

ISO/DIS 18518-2

ISO/DIS 18254

Ritaglio di tessuto di almeno 10 g di peso
2304* Determinazione del contenuto di pentaclorofenolo (PCP) – Metodo per pelle UNI EN ISO 17070 Ritaglio di tessuto di almeno 10 g di peso
2306-1* Valutazione del potenziale ingiallimento fenolico dei materiali UNI EN ISO 105-X18 Ritaglio di tessuto di almeno 30 x 30 cm
2306-2* Gas fading Procedura interna Ritaglio di tessuto di almeno 30 x 30 cm
2307* Ricerca del dimetilfumarato (DMF) UNI CEN ISO/TS 16186 Ritaglio di tessuto di almeno 10 g di peso
2308* Ricerca ftalati UNI EN ISO 14389 Ritaglio di tessuto di almeno 10 g di peso
2310* Determinazione quantitativa delle sostanze estraibili Procedura interna Ritaglio di tessuto di almeno 6 g di peso
2314 Prova di ossidazione Procedura interna 1 accessorio
2320 Determinazione della formaldeide libera ed estraibile UNI EN ISO 14184-1 

Ritaglio di tessuto di almeno 5 g di peso

Il tessuto dovrebbe preferibilmente arrivare in busta di plastica chiusa e avvolto in carta stagnola

2403 Determinazione della formaldeide libera ed estraibile GB/T 2912.1

Ritaglio di tessuto di almeno 5 g di peso

Il tessuto dovrebbe preferibilmente arrivare in busta di plastica chiusa e avvolto in carta stagnola

2321* Determinazione della formaldeide libera ed estraibile – Metodo per pelle UNI EN ISO 17226-2

Ritaglio di tessuto di almeno 5 g di peso

Il tessuto dovrebbe preferibilmente arrivare in busta di plastica chiusa e avvolto in carta stagnola

2322 Metodo per la determinazione di particolari ammine aromatiche derivate da coloranti azoici – Parte 1: rilevamento dell’utilizzo di particolari coloranti azoici individuabili con o senza estrazione UNI EN ISO 14362-1 Ritaglio di tessuto di almeno 5 g di peso
2324* Metodo per la determinazione di particolari ammine aromatiche derivate da coloranti azoici – Parte 3: rilevamento dell’utilizzo di particolari coloranti azoici che possono rilasciare 4-amminoazobenzene UNI EN ISO 14362-3 Ritaglio di tessuto di almeno 5 g di peso
2404 Metodo per la determinazione di particolari ammine aromatiche derivate azocoloranti GB/T 17592              Ritaglio di tessuto di almeno 5 g di peso
2323* Prove chimiche per la determinazione di particolari coloranti azoici nei cuoi tinti – Parte 1: determinazione di particolari ammine aromatiche derivate da coloranti azoici – Metodo per pelle UNI EN ISO 17234-1 Ritaglio di materiale di almeno 5 g di peso
2325* 4-amminoazobenzene – Metodo per pelle UNI EN ISO 17234-2 Ritaglio di materiale di almeno 5 g di peso
2330* Determinazione del contenuto di metalli – Parte 2: determinazione dei metalli estratti tramite soluzione acida di sudore artificiale (rilascio) x 10 metalli UNI EN 16711-2 2/3 g di peso o almeno 30×30 cm di tessuto
2330a* Determinazione del contenuto di metalli – Parte 1: determinazione dei metalli utilizzando la digestione con microonde (quantitativa) x metallo UNI EN 16711-1 3 g di peso per l’accessorio
2326* Metodo generale per la determinazione di coloranti estraibili, inclusi coloranti allergenici e cancerogeni (metodo che utilizza piridina-acqua) UNI EN ISO 16373-2 Tessuto di almeno 10 g di peso
2334* Ricerca del cromo VI UNI EN ISO 17075 Ritaglio di materiale di almeno 5 g di peso
2335* Contenuto di nichel negli accessori – Spot test Procedura interna 1 accessorio
2336* Ricerca del nichel (estrazione) UNI EN 1811 1 accessorio
2337* Ricerca del piombo nei metalli CPSC-CH-E1001-08.3 1 accessorio
2402* Determinazione dell’odore GB 18401 Ritaglio di materiale di almeno 30×30 cm

Prove su piume e piumini

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
4101* Determinazione del numero indice di ossigeno UNI EN 1162  Almeno 20 g di materiale
4105* Piume e piumini – Metodi di prova per la determinazione della tenuta dei tessuti alle piume e ai piumini – Prova per sfregamento UNI EN 12132-1 Ritaglio di tessuto di 40 cm in tutta altezza e 50 g di piume

Prove per determinare l'origine delle difettosità

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
4201* Origine delle macchie Procedura interna Da definire con il laboratorio
4202* Origine difetti “a partire da” Procedura interna Da definire con il laboratorio
4203* Origine difetti “a partire da” Procedura interna Da definire con il laboratorio
4204* Analisi spettofotometro FT/IR Procedura interna Da definire con il laboratorio
4205* Prove particolari non riconducibili a prove a listino A preventivo Da definire con il laboratorio

Prove su cerniere

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
4301* Zip test UNI EN 16732 Almeno 10 cerniere

Prove al fuoco

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
4406 Prova di infiammabilità 16 CFR1610 1 capo o ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm
4408 Indumenti di protezione – Protezione contro la fiamma – Metodo di prova per la propagazione limitata della fiamma – Metodo A UNI EN ISO 15025 3 capi oppure 50 cm di tessuto in tutta altezza
4408a Indumenti di protezione – Protezione contro la fiamma – Metodo di prova per la propagazione limitata della fiamma – Metodo B UNI EN ISO 15025 3 capi oppure 50 cm di tessuto in tutta altezza
4410 Determinazione della propagazione del calore durante l’esposizione ad una fiamma UNI EN ISO 9151 3 capi oppure 50 cm di tessuto in tutta altezza
4411 Indumenti di protezione – Protezione contro il calore e il fuoco – Metodo di prova: valutazione dei materiali e materiali assemblati quando esposti ad una sorgente di calore radiante UNI EN ISO 6942
(Metodi A e B)
3 capi oppure 50 cm di tessuto in tutta altezza

Pacchetto prove standard GB 18401 – Completo

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
2406 Solidità del colore al sudore acido e alcalino GB/T 3922 1 capo oppure ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm di almeno 20 g di peso

2407 Solidità del colore allo sfregamento a secco GB/T 3920
2409 Solidità del colore all’acqua GB/T 5713
2401 Determinazione del pH dell’estratto acquoso GB/T 7573
2403 Determinazione della formaldeide libera ed estraibile GB/T 2912.1
2404 Metodo per la determinazione di particolari ammine aromatiche derivate azocoloranti GB/T 17592         
4205* Determinazione dell’odore GB 18401

Pacchetto prove standard GB 18401 – Parziale

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione Normative di riferimento Campioni necessari
2406 Solidità del colore al sudore acido e alcalino GB/T 3922 1 capo oppure ritaglio di tessuto di almeno 50×50 cm di almeno 20 g di peso

2407 Solidità del colore allo sfregamento a secco GB/T 3920
2409 Solidità del colore all’acqua GB/T 5713
2401 Determinazione del pH dell’estratto acquoso GB/T 7573
4205* Determinazione dell’odore GB 18401

Come consegnare i campioni e ricevere i risultati

• Il materiale per le analisi può essere consegnato con relativo documento di trasporto (DDT).

• Le analisi che eseguiamo sono di tipo distruttivo, pertanto riteniamo sempre autorizzati il taglio e altri procedimenti che causano il deterioramento dei campioni. Nel DDT relativo al materiale per le prove va specificato quanto segue:

– Se non è prevista o richiesta la restituzione del campione, apporre la dicitura “Materiale destinato a prove distruttive”.
– Se è prevista o richiesta la restituzione del campione, apporre la dicitura “Trasporto in conto prova per analisi di laboratorio”.
– Se il campione è un capo confezionato, o comunque un prodotto tessile finito, apporre la dicitura “Si autorizza il taglio del capo / prodotto”.

• Ai campioni consegnati al nostro laboratorio vanno allegate le seguenti informazioni:

– Composizione.
– Caratteristiche e/o specifiche tecniche (in special modo nel caso in cui vengano richieste dichiarazioni di conformità).
– Tutte le informazioni supplementari utili ai fini dell’analisi in oggetto (ad esempio: richiesta di traduzione del rapporto di prova in inglese, modalità di consegna del rapporto, richiesta di conservazione dei campioni, eccetera).
Attenzione: tutte le richieste successive all’emissione dei rapporti di prova comporteranno l’addebito di costi aggiuntivi.

• A richiesta siamo disponibili ad effettuare prove urgenti, previa la fattibilità tecnica nei tempi richiesti e la consegna dei campioni da parte del Cliente entro le ore 12:00.
Attenzione: l’esecuzione di prove urgenti comporterà un aumento del 30% sui costi ordinari.

• I residui dei campioni saranno conservati dal nostro laboratorio a disposizione del Cliente per un periodo non superiore ai 30 giorni dalla data di emissione dei relativi certificati di analisi.
Attenzione: al termine di questo periodo ci riteniamo autorizzati alla distruzione dei campioni analizzati, salvo espressa richiesta scritta di conservazione inviata dal Cliente entro i 30 giorni previsti o altra esplicita disposizione contrattuale.

• I risultati e i rapporti delle prove si riferiscono unicamente ai campioni analizzati e a quanto specificatamente richiesto dal Cliente (ad esempio: richiesta di traduzione del rapporto in inglese, modalità di consegna del rapporto, richiesta di conservazione dei campioni, eccetera).
Attenzione: tutte le richieste successive all’emissione dei rapporti di prova comporteranno l’addebito di costi aggiuntivi.

• Se non concordato altrimenti ci riteniamo autorizzati ad inviare al Cliente, in via preliminare, copia del rapporto di prova per fax o email. Gli originali dei rapporti saranno poi consegnati personalmente o spediti per posta ordinaria. Nel caso in cui il Cliente non desideri l’invio dei rapporti attraverso tali mezzi deve comunicarlo prima dell’esecuzione delle prove, al momento della nostra accettazione della commessa di lavoro.

• I rapporti di prova e le relative registrazioni tecniche saranno conservati dal nostro laboratorio per un periodo di 48 mesi dalla data della loro emissione.

Prove su fibre

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
1101*

Determinazione della lunghezza delle fibre – Metodo della misura della singola fibra

UNI 5751

1102*

Determinazione del diametro delle fibre di lana (software CV 9000)

Procedura interna

1103*

Determinazione del diametro delle fibre artificiali e sintetiche (software CV 9000)

Procedura interna

Prove su fili e filati

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
1201*

Determinazione della massa lineare con il metodo della matassina

UNI EN ISO 2060

1205*

Determinazione della torsione dei fili continui e filati ritorti – Metodo diretto

UNI EN ISO 2061

1206*

Metodo indiretto per la determinazione della torsione nei filati singoli da fibre discontinue

UNI 9069

1210*

Determinazione della forza di rottura e allungamento di fili singoli

UNI EN ISO 2062

1215*

Determinazione della massa commerciale

UNI 9213-1-2-3-4-5-6

1220*

Determinazione del coefficiente di attrito (Schlafhorst)

Procedura interna

1225*

Determinazione del numero dei filamenti nei fili continui

Procedura interna

1235*

Valutazione della tipologia di filatura (Open End – Ring)

Procedura interna

1245

Rappresentazione e identificazione convenzionale di fili, filati, binati e ritorti

UNI 6699

Prove su tessuti, semilavorati e capi finiti

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
1301

Determinazione della massa areica e della massa per unità di lunghezza

UNI 5114

1301a

Determinazione della massa areica e della massa per unità di lunghezza

UNI EN 12127

1302*

Determinazione della lunghezza e della larghezza delle pezze

UNI EN 1773

1303

Tessuti ortogonali – Costruzione – Metodi di analisi – Determinazione del numero dei fili per unità di lunghezza

UNI EN 1049-2

1305

Armature – Termini e definizioni

UNI 8099

1305a

Maglieria – Concetti di base – Vocabolario

UNI EN ISO 4921

1306

Metodi di prova per non tessuti – Determinazione della massa areica

UNI EN 29073-1

1307a

Metodi di prova per non tessuti – Determinazione della resistenza a trazione e dell’allungamento

UNI EN 29073-3

1308*

Metodi di prova per non tessuti – Determinazione della resistenza alla lacerazione

UNI EN ISO 9073-4

1309*

Finezza macchina

Procedura interna

1310

Determinazione della massa per unità di lunghezza (titolo) di un filo estratto da un tessuto

UNI 9275

1311*

Spessore

Procedura interna

1315*

Determinazione della torsione di fili estratti da un tessuto – Metodo diretto

UNI EN ISO 2061

1316*

Determinazione della torsione di fili estratti da un tessuto – Metodo indiretto

UNI 9069

1320

Determinazione della tendenza dei tessuti alla formazione di pelosità superficiale e palline di fibre (pilling) – Metodo con apparecchio Martindale modificato

UNI EN ISO 12945-2
UNI EN ISO 12945-4

1322*

Pilling – Determinazione della resistenza alla formazione di palline – Random Pilling Tester

UNI EN ISO 12945-3
UNI EN ISO 12945-4

1325

Determinazione della tendenza dei tessuti alla formazione di pelosità superficiale e palline di fibre (pilling) – Metodo Pilling Box

NI EN ISO 12945-1
UNI EN ISO 12945-4

1330

Determinazione della resistenza all’abrasione dei tessuti con il metodo Martindale – Deterioramento provetta

UNI EN ISO 12947-1
UNI EN ISO 12947-2

1330d

Determinazione della resistenza all’abrasione dei tessuti con il metodo Martindale – Perdita di massa

UNI EN ISO 12947-1
UNI EN ISO 12947-3

1130a

Determinazione della resistenza all’abrasione dei tessuti con il metodo Martindale – Cambio di aspetto

UNI EN ISO 12947-1
UNI EN ISO 12947-4

1331

Proprietà dei tessuti a trazione – Determinazione della forza massima con il metodo Grab

UNI EN ISO 13934-2

1332*

Proprietà dei non tessuti a trazione – Determinazione della forza massima con il metodo Grab

UNI 8279-4

1333

Determinazione della forza massima di rottura delle cuciture con il metodo della striscia

UNI EN ISO 13935-1

1334

Determinazione della forza massima di rottura delle cuciture con il metodo Grab

UNI EN ISO 13935-2

1340

Proprietà dei tessuti a trazione – Determinazione della forza massima e dell’allungamento alla forza massima con il metodo della striscia

UNI EN ISO 13934-1

1341

Proprietà della lacerazione dei tessuti – Determinazione della forza di lacerazione di provette a pantalone

UNI EN ISO 13937-2

1341a

Proprietà della lacerazione dei tessuti – Determinazione della forza di lacerazione di provette ad ala

UNI EN ISO 13937-3

1341b

Proprietà della lacerazione dei tessuti – Determinazione della forza di lacerazione mediante il metodo del pendolo balistico (Elmendorf)

UNI EN ISO 13937-1

1342*

Determinazione della resistenza alle flessioni ripetute – Metodo Bally

UNI 4818-13

1344*

Determinazione della resistenza alla perforazione con il metodo della sfera

UNI 5421

1345*

Non tessuti – Determinazione della resistenza alla perforazione con il metodo della sfera

UNI 8279-11

1346

Proprietà di resistenza dei tessuti allo scoppio – Metodo idraulico per la determinazione della resistenza e della deformazione allo scoppio

UNI EN ISO 13938-1

1347*

Proprietà di resistenza dei tessuti allo scoppio – Metodo pneumatico per la determinazione della resistenza e della deformazione allo scoppio

UNI EN ISO 13938-2

1350

Determinazione della resistenza allo scorrimento dei fili di tessuto in corrispondenza delle cuciture – Parte 1: metodo dell’apertura determinata della cucitura

UNI EN ISO 13936-1

1350a

Determinazione della resistenza allo scorrimento dei fili di tessuto in corrispondenza delle cuciture – Parte 2: metodo del carico fisso

UNI EN ISO 13936-2

1360*

Determinazione della resistenza alla penetrazione d’acqua – Prova sotto pressione idrostatica

UNI EN ISO 811

1365

Determinazione della resistenza alla bagnatura superficiale – Metodo dello spruzzo

UNI EN ISO 4920

1370*

Non tessuti – Determinazione dell’assorbimento di liquidi – Metodo della rete

Procedura interna

1379

Determinazione del titolo del filato su campioni di breve lunghezza – Tessuti a maglia

ASTM D1059

1379a

Determinazione del titolo del filato su campioni di breve lunghezza – Tessuti ortogonali

ASTM D1059

1380*

Riduzioni nei tessuti a maglia – Determinazione del numero delle file e dei ranghi per unità di lunghezza

UNI EN 14971

1382*

Determinazione della lunghezza di filo assorbito nei tessuti a maglia in trama

UNI EN 14970

1387*

Prova di cucibilità

Procedura interna

1390*

Determinazione dell’avvitamento della maglia (scarto angolare)

Procedura interna

1392*

Supporti tessili rivestiti di gomma o materie plastiche – Determinazione della resistenza all aderenza

UNI EN 25978

1393*

Retrazioni in acqua bollente

Procedura interna

1394*

Supporti rivestiti con materiali polimerici – Determinazione della migrabilità delle sostanze colorate

UNI 4818-21

1395*

Resistenza allo snagging (fili tirati)

Procedura interna – Metodo Box

1395*

Resistenza allo snagging (fili tirati) – Rotating Chamber

BS 8479

1398

Determinazione dell’elasticità dei tessuti – Metodo della striscia – Tessuti a maglia

UNI EN ISO 20932-1

1398a

Determinazione dell’elasticità dei tessuti – Metodo della striscia – Tessuti a navetta e non tessuti

UNI EN ISO 20932-1

4401*

Jungle test

Procedura interna

4403*

Determinazione della velocità di trasmissione del vapor d’acqua

UNI 4818
(Parte 26)

4404*

Determinazione della permeabilità all’aria

UNI EN ISO 9237

4500*

Metodo di prova per non tessuti – Parte 10: formazione di lint (lanugine) ed altre particelle allo stato secco

UNI EN ISO 9073-10

4600*

Supporti tessili rivestiti di gomma o materie plastiche – Determinazione dell’adesione del rivestimento

UNI EN ISO 2411

Prove di composizione

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
1401

Analisi qualitativa – Metodo microscopico

AATCC TM20

1403

Analisi quantitativa di mischie binarie di fibre tessili

Regolamento UE n. 1007/2011 del 27/09/2011 – Metodi accreditati da 1 a 16 (esclusi 5-9-12-13-14-15-16)

1404

Analisi quantitativa di mischie ternarie di fibre tessili

Regolamento UE n. 1007/2011 del 27/09/2011 – Metodi accreditati mischie ternarie da 1 a 37 (esclusi 3-5-8-11-12-24-35-36-37)

1405*

Analisi quantitativa di mischie quaternarie fibre tessili

Regolamento UE n. 1007/2011 del 27/09/2011

1406*

Analisi quantitativa di mischie di fibre tessili (oltre le quattro fibre) per ogni fibra in più

Regolamento UE n. 1007/2011 del 27/09/2011

1412*

Determinazione quantitativa mischie lana-cashmere (due fibre) e altre fibre di origine animale

UNI EN ISO 17751-1

Prove di stabilità dimensionale

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
1501

Determinazione delle variazioni dimensionali nel lavaggio e asciugamento

UNI EN ISO 6330
UNI EN ISO 3759
UNI EN ISO 5077

1503*

Determinazione delle variazioni dimensionali – Metodo della bagnatura a freddo dei tessuti

UNI 9294-5

1504*

Determinazione delle variazioni dimensionali – Metodo della stiratura a vapore

Procedura interna

1505*

Valutazione della stabilità al lavaggio a secco con la macchina

UNI EN ISO 3175-2

1506

Procedimenti di lavaggio e asciugamento ripetuti

A preventivo

1506d*

Procedimenti di lavaggio e finitura industriale per la valutazione degli abiti da lavoro

UNI EN ISO 15797

1507*

Aspetto dopo lavaggio in acqua

UNI EN ISO 15487

1507a*

Aspetto dopo lavaggio a secco

UNI EN ISO 3175 1-4

1508

Determinazione dell’avvitamento dopo il lavaggio – Parte 2: tessuti ortogonali e a maglia

ISO 16322-2

1509

Determinazione dell’avvitamento dopo il lavaggio – Parte 3: capi in tessuto e a maglia

ISO 16322-3

Prove di solidità del colore

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
2101

Solidità del colore al lavaggio con sapone (#)

UNI EN ISO 105 C10

2102

Solidità del colore al lavaggio domestico e commerciale (#)

UNI EN ISO 105-C06

2103a

Solidità del colore al lavaggio domestico e commerciale – Parte C09: candeggio per ossidazione utilizzando un detergente di riferimento senza fosfato comprendente un attivatore di candeggio a bassa temperatura (#)

UNI EN ISO 105-C09

2104

Solidità del colore al lavaggio a secco (#)

UNI EN ISO 105-D01

2105

Solidità del colore alla luce artificiale (#)

UNI EN ISO 105-B02
(Metodi 1, 2, 3, 4)

2106

Solidità del colore al sudore acido e alcalino (#)

UNI EN ISO 105-E04

2406

Solidità del colore al sudore acido e alcalino (#)

GB/T 3922

2107

Solidità del colore allo sfregamento a secco e ad umido

UNI EN ISO 105-X12 

2407

Solidità del colore allo sfregamento a secco e ad umido

GB/T 3920

2108*

Solidità del colore alla goccia d’acqua (#)

UNI EN ISO 105-E07

2109

Solidità del colore all’acqua (#)

UNI EN ISO 105-E01

2409

Solidità del colore all’acqua (#)

GB/T 5713

2110

Solidità del colore all’acqua di mare (#)

UNI EN ISO 105-E02

2111

Solidità del colore all’acqua clorata (acqua di piscina) (#)

UNI EN ISO 105-E03

2112*

Solidità del colore alla stiratura a caldo (#)

UNI EN ISO 105-X11

2113

Solidità del colore ai solventi organici (#)

UNI EN ISO 105-X05

2114*

Solidità del colore allo sfregamento – Solventi organici

UNI EN ISO 105-D02

2115*

Solidità del colore agli acidi (#)

UNI EN ISO 105-E05

2116*

Solidità del colore agli alcali (#)

UNI EN ISO 105-E06

2117

Solidità del colore alla sbianca con ipoclorito (#)

UNI EN 20105-N01

2118*

Solidità del colore al lavaggio a mano (ECE / sapone) (#)

UNI 10994

2119

Solidità del colore alla saliva (#)

GB/T 18886

2120*

Solidità del colore al mercerizzo (#)

UNI EN ISO 105-X04

2122*

Solidità del colore al calore secco (esclusa stiratura) (#)

UNI EN ISO 105-P01

2123*

Determinazione del contenuto di appretto nei tessuti in cotone, lino e canapa (#)

UNI 5119

2124*

Solidità del colore alla follatura acida leggera (#)

UNI EN ISO 105 E14

2125*

Solidità del colore alla follatura alcalina (#)

UNI EN ISO 105 E12

4208*

Trasferimento di colore durante lo stoccaggio

AATCC 163

(#) Con opportuni accorgimenti la prova può essere estesa a bottoni, cerniere, etichette, inserti in pelle o scamosciati

Altri tipi di solidità

Prove tintoriali

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
2201*

Ricerca del carattere tintorio

Procedura interna

2202*

Prove di tintura

Procedura interna

2203*

Prova di scarica e ritintura

Procedura interna

2204*

Lettura spettrofotometrica del colore UV-visibile – Lettura tra 2 campioni D65 CMC (2:1)

Procedura interna

2205*

Lettura spettrofotometrica del colore UV-visibile – Lettura manichetta D65 CMC (2:1)

Procedura interna

2207

Lettura colorimetrica

UNI EN ISO 20471

2207a

Lettura colorimetrica dopo 5 lavaggi

UNI EN ISO 20471

2207b

Lettura colorimetrica dopo invecchiamento alla luce

UNI EN ISO 20471

Prove chimiche / ecologiche

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
2301

Determinazione del pH dell’estratto acquoso

UNI EN ISO 3071

2401

Determinazione del pH dell’estratto acquoso

GB/T 7573

2302*

Determinazione del pH dell’estratto acquoso – Metodo per pelle

UNI EN ISO 4045

2303*

Determinazione pentaclorofenolo (PCP) e tetraclorofenolo (TeCP), e relativi sali ed esteri nei tessili

UNI 11057

2305*

Determinazione degli alchilfenoli e alchilfenolietossilati (AP/APEO)

ISO/DIS 18518-2
ISO/DIS 18254

2304*

Determinazione del contenuto di pentaclorofenolo (PCP) – Metodo per pelle

UNI EN ISO 17070

2306-1*

Valutazione del potenziale ingiallimento fenolico dei materiali

UNI EN ISO 105-X18

2306-2*

Gas fading

Procedura interna

2307*

Ricerca del dimetilfumarato (DMF)

UNI CEN ISO/TS 16186

2308*

Ricerca ftalati

UNI EN ISO 14389

2310*

Determinazione quantitativa delle sostanze estraibili

Procedura interna

2314

Prova di ossidazione

Procedura interna

2320

Determinazione della formaldeide libera ed estraibile

UNI EN ISO 14184-1

2403

Determinazione della formaldeide libera ed estraibile

GB/T 2912.1

2321*

Determinazione della formaldeide libera ed estraibile – Metodo per pelle

UNI EN ISO 17226-2

2322

Metodo per la determinazione di particolari ammine aromatiche derivate da coloranti azoici – Parte 1: rilevamento dell’utilizzo di particolari coloranti azoici individuabili con o senza estrazione

UNI EN ISO 14362-1

2324*

Metodo per la determinazione di particolari ammine aromatiche derivate da coloranti azoici – Parte 3: rilevamento dell’utilizzo di particolari coloranti azoici che possono rilasciare 4-amminoazobenzene

UNI EN ISO 14362-3

2404

Metodo per la determinazione di particolari ammine aromatiche derivate azocoloranti

GB/T 17592

2323*

Prove chimiche per la determinazione di particolari coloranti azoici nei cuoi tinti – Parte 1: determinazione di particolari ammine aromatiche derivate da coloranti azoici – Metodo per pelle

UNI EN ISO 17234-1

2325*

4-amminoazobenzene – Metodo per pelle

UNI EN ISO 17234-2

2330*

Determinazione del contenuto di metalli – Parte 2: determinazione dei metalli estratti tramite soluzione acida di sudore artificiale (rilascio) x 10 metalli

UNI EN 16711-2

2330a*

Determinazione del contenuto di metalli – Parte 1: determinazione dei metalli utilizzando la digestione con microonde (quantitativa) x metallo

UNI EN 16711-1

2326*

Metodo generale per la determinazione di coloranti estraibili, inclusi coloranti allergenici e cancerogeni (metodo che utilizza piridina-acqua)

UNI EN ISO 16373-2

2334*

Ricerca del cromo VI

UNI EN ISO 17075

2335*

Contenuto di nichel negli accessori – Spot test

Procedura interna

2336*

Ricerca del nichel (estrazione)

UNI EN 1811

2337*

Ricerca del piombo nei metalli

CPSC-CH-E1001-08.3

2402*

Determinazione dell’odore

GB 18401

Prove su piume e piumini

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
4101*

Determinazione del numero indice di ossigeno

UNI EN 1162

4105*

Piume e piumini – Metodi di prova per la determinazione della tenuta dei tessuti alle piume e ai piumini – Prova per sfregamento

UNI EN 12132-1

Prove per determinare l'origine delle difettosità

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
4201*

Origine delle macchie

Procedura interna

4202*

Origine difetti “a partire da”

Procedura interna

4203*

Origine difetti “a partire da”

Procedura interna

4204*

Analisi spettofotometro FT/IR

Procedura interna

4205*

Prove particolari non riconducibili a prove a listino

A preventivo

Prove su cerniere

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
4301*

Zip test

UNI EN 16732

Prove al fuoco

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
4406

Prova di infiammabilità

16 CFR1610

4408

Indumenti di protezione – Protezione contro la fiamma – Metodo di prova per la propagazione limitata della fiamma – Metodo A

UNI EN ISO 15025

4408a

Indumenti di protezione – Protezione contro la fiamma – Metodo di prova per la propagazione limitata della fiamma – Metodo B

UNI EN ISO 15025

4410

Determinazione della propagazione del calore durante l’esposizione ad una fiamma

UNI EN ISO 9151

4411

Indumenti di protezione – Protezione contro il calore e il fuoco – Metodo di prova: valutazione dei materiali e materiali assemblati quando esposti ad una sorgente di calore radiante

UNI EN ISO 6942
(Metodi A e B)

Pacchetto prove standard GB 18401 – Completo

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
2406

Solidità del colore al sudore acido e alcalino

GB/T 3922

2407

Solidità del colore allo sfregamento a secco

GB/T 3920

2409

Solidità del colore all’acqua

GB/T 5713

2401

Determinazione del pH dell’estratto acquoso

GB/T 7573

2403

Determinazione della formaldeide libera ed estraibile

GB/T 2912.1

2404

Metodo per la determinazione di particolari ammine aromatiche derivate azocoloranti

GB/T 17592

4205*

Determinazione dell’odore

GB 18401

Pacchetto prove standard GB 18401 – Parziale

Le prove con codice contrassegnato da un asterisco (0000*) non sono accreditate da Accredia

 

Codice Denominazione e normative di riferimento
2406

Solidità del colore al sudore acido e alcalino

GB/T 3922

2407

Solidità del colore allo sfregamento a secco

GB/T 3920

2409

Solidità del colore all’acqua

GB/T 5713

2401

Determinazione del pH dell’estratto acquoso

GB/T 7573

4205*

Determinazione dell’odore

GB 18401

CONTATTACI

Per richiedere le nostre prove merceologiche, o se vuoi informazioni riguardanti i nostri servizi, utilizza questo modulo di contatto.

Per le prove maggiormente richieste abbiamo predisposto un modulo da scaricare e compilare. Puoi consegnarcelo personalmente oppure inviarcelo via email a questo indirizzo:
qualita@centroqualitatessile.it

I campi contrassegnati da un asterisco (*) sono obbligatori.

Leggi la nostra informativa sulla privacy

12 + 12 =

CONTATTACI

Per richiedere le nostre prove merceologiche, o se vuoi informazioni riguardanti i nostri servizi, utilizza questo modulo di contatto.

Per le prove maggiormente richieste abbiamo predisposto un modulo da scaricare e compilare. Puoi consegnarcelo personalmente oppure inviarcelo via email a questo indirizzo:
qualita@centroqualitatessile.it

I campi contrassegnati da un asterisco (*) sono obbligatori.

Leggi la nostra informativa sulla privacy

6 + 2 =